main square cusco main square cusco main square cusco main square cusco main square cusco
german
english
france
italy
sweden
Spain
netherlands

PERU - CULTURE & SOCIETY

Machupicchu: Cusco

SOCIETY AND CULTURE

Il Perú é suddiviso, in generale, in tre classi sociali. La classe alta é minoritaria ed é concentrata principalmente nella città di Lima; costituisce circa il 3% della popolazione totale. La classe media é costituita da lavoratori e professionisti che dipendono da un salario e da un posto di lavoro; formano il 60% della popolazione ed è la classe sociale che più è stata colpita dalla crisi degli ultimi anni. La classe bassa é composta da famiglie di operai e contadini del paese. Gli operai sono concentrati specialmente nelle città, in particolare in quelle chiamate "pueblos jóvenes" e molti di loro sono contadini emigrati da una comunità a un centro urbano. I contadini che ancora vivono nelle comunità andine sono la risorsa più importante della cultura e della religione inca. Nel sud del Perú le comunità sono bilingue o monolingue quechua; nel nord, le lingue native sono completamente scomparse. Un caso particolare é costituito dalla foresta, dove esistono ancora tribù e comunità non ancora raggiunte dalla “civilizzazione”.

Il sistema educativo é una sfida per tutti i governi del paese. Negli ultimi anni si sta cercando di fare una riforma per avvicinare l’educazione alle necessità reali del paese e formare persone in grado di trasformare il paese. Il “Constructivismo” e il “Aprendizaje Significativo” sono i nuovi approcci con i quali il Ministero dell’Educazione e le facoltà universitarie stanno formando i professori.

Il Ministero della Salute dirige il Sistema di Sicurezza Sociale attraverso il quale migliaia di peruviani possono essere assistiti nei diversi ospedali dello Stato. Nello stesso modo, il Sistema Pensionistico permette a migliaia di lavoratori di ricevere una pensione economica mensile. Esistono anche i fondi privati pensionistici (AFP), che offrono i loro pacchetti pensionistici attraverso la libera concorrenza.
Share This
Facebook
Twitter
Google+
LinkedIn
Share:
0
0
0
Follow us on: